Auro Palomba

Moda

Top Manager settore fashion: il commento di Auro Palomba, Chairman di Reputation Science

5 Ott , 2018  

Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0
Top Manager settore fashion: il commento di Auro Palomba, Chairman di Reputation Science 5.00/5 (100.00%) 1 vote

Il settore Fashion in Italia ha registrato una tendenza di crescita pari al +2,1% negli ultimi 6 mesi: emerge questo dato dallo studio curato da Reputation Science, basato sulla classifica e sui dati analizzati da Reputation Manager. Otto i top manager a capo delle aziende leader di settore presi in esame, inseriti nell'Osservatorio permanente che ogni mese monitora la Web Reputation delle figure apicali delle principali aziende italiane. Auro Palomba, Chairman di Reputation Science, sottolinea l'importanza di questo comparto, che è "un settore altamente rappresentativo del Made in Italy e dà un contributo rilevante alla bilancia economica del nostro Paese".

Puntare a costruire, e poi mantenere, una reputazione solida è l'obiettivo che le aziende di questo settore devono perseguire, in quanto si tratta di "un asset strategico a sostegno di un business in continua crescita". In qualità di ambasciatori naturali dei valori del brand, i singoli Top Manager devono orientare "la presenza online e la web reputation verso questi obiettivi", conclude Auro Palomba. Al Chairman fa eco l'Amministratore Delegato Andrea Barchiesi, soffermandosi sulle "sfide legate ai temi dell'innovazione e del cambiamento" che hanno interessato nell'ultimo periodo il settore del Fashion. Seguire il più possibile le esigenze in continua evoluzione del mercato e dei consumatori diventa un obiettivo per i Top Manager, che "incarnano alla perfezione questi valori tramite il lancio di progetti innovativi".

La migliore performance del mese di luglio è quella di Remo Ruffini, AD e Presidente di Moncler, che chiude al primo posto nel settore con un punteggio di 58 (+3,07). È proprio la spinta verso l'innovazione e il cambiamento il punto di forza del manager, che beneficia del successo del lancio del progetto Genius e della recente nomina a Cavaliere del Lavoro. Perde una posizione, invece, Diego Della Valle, Presidente di Tod's, che chiude secondo con un punteggio di 56,75. La sua reputazione online è associata all'innovazione, alla creatività e alla sperimentazione. Tra gli eventi contraddistintivi del periodo, il lancio del progetto Tod's No_code e l'intervista su La7, dove esprime il suo giudizio sul nuovo Governo. Lorenzo Del Vecchio. Fondatore e Presidente Esecutivo di Luxottica, completa il podio, con uno stacco rilevante dai primi due manager (50,77 punti). È l'acquisizione di Barberini il principale tema legato alla sua Web Reputation. Il resto della classifica vede Federico Marchetti, CEO di Yoox Net-a-Porter Group (YNAP), in quarta posizione (47,99), Prada in quinta (47,88), Ferragamo in sesta (41,69), Fenart in settima (36,51) e Milleri in ottava (31,96). La graduatoria utilizza come parametri i canali del Web 1.0 (news e menzioni), quelli sul Web 2.0 (blog, social network) e l'evoluzione storica, facendo un calcolo qualitativo e quantitativo dell'apporto reputazionale per ogni contenuto.

Per maggiori informazioni:
https://www.ciaocomo.it/2018/09/07/remo-ruffini-2/162684/

Articoli Correlati:

Auro Palomba: “La Borsa senza primavera”
Community, un 2008 da incorniciare
Auro Palomba: “Privatizzazioni, Confindustria all’attacco”
L’intervista di Auro Palomba a Luciano Benetton
Auro Palomba: “Gemina cede il pacchetto di Ambroveneto”
Auro Palomba: “Borsa, scambi al lumicino”
Auro Palomba: “Fra Continental e Pirelli tempo di disgelo”
Auro Palomba: “La Borsa aspetta gli stranieri”
Auro Palomba: “In Borsa arrivano i tedeschi”
Auro Palomba: “Vento di crisi sull’industria”


,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *