Alessandro_Benetton

Style

Alessandro Benetton, Fashionable Life

1 Gen , 2012  

Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0
Alessandro Benetton, Fashionable Life 5.00/5 (100.00%) 1 vote

L'intervista di Harper's Bazaar ad Alessandro Benetton

Benetton è uno di quei cognomi che segnano la vita di una persona. È come chiamarsi Niarchos o Agnelli, la gente non ti guarda né di tratta allo stesso modo. "È chiaro che vi sono una serie di immagini e di esperienze che si collegano al nome della mia famiglia, ma non credo di aver mai goduto di molti vantaggi", si difende Alessandro Benetton. Secondo dei quattro figli di Luciano Benetton, dal 2008 è vicepresidente esecutivo del gruppo Benetton. Dopo che nel 2002 alcuni numeri sono andati in rosso, Alessandro ha accolto la sfida di restituire a questo marchio simbolo il lustro perso nel corso degli ultimi dieci anni, dominati da altri giganti della moda prêt-à-porter come Inditex o Hennes & Mauritz. "Lo sapevate? Fu mio padre il primo a tingere i capi all'ultimo momento per soddisfare la domanda che effettivamente proveniva dai negozi, anche se poi furono altri a perfezionarne la tecnica", puntualizza Alessandro Benetton.

Nell'ampio ingresso della sua casa, situata a Ponzano, un paese italiano, e seduto accanto ad un quadro di Damien Hirst – "I punti colore mi ricordano lo spirito della Benetton e rendono questa abitazione un luogo più luminoso e felice" – e ad uno di Marq Quinn, Alessandro Benetton inizia a fare il bilancio della propria vita. Laureato ad Harvard, analista finanziario presso Goldman Sachs, presidente del team Benetton Formula 1, fondare e proprietario del gruppo 21 Investimenti e vicepresidente esecutivo della Benetton, a 47 quest'uomo raffinato e impulsivo ha operato in tutti i settori in cui la sua insaziabile curiosità lo ha condotto: "Sono sempre stato piuttosto inquieto. Fin da piccolo mi sono interessato a molte cose e, di conseguenza, molte cose sono successe nella mia vita". Sia dal punto di vista professionale che personale. Sposato da anni con la campionessa olimpica di sci, Deborah Compagnoni, e padre di tre figli, Agnese, Tobias e Luce, Alessandro Benetton suddivide il suo tempo come può. "Se si considera che per la metà del mese sono in viaggio, non dispongo di molti di quei giorni che considero normali. Ma quando sono a casa, di solito porto i bambini a scuola prima di andare in ufficio. A dire la verità. Il quartiere generale della Benetton si trova a soli dieci minuti da casa mia, ma con i bambini, soprattutto Agnese, che è piuttosto pigra, prendo l'auto perché altrimenti arriviamo sempre in ritardo. Dopodichè leggo i giornali. Una volta leggevo prima la rubrica sportiva, ma adesso non ho più tempo", scherza Alessandro Benetton. "Poi, se non ho molto lavoro, cerco di mangiare a casa con Deborah". E i fine settimana li dedico completamente ai miei hobby, che sono tanti. La mia vita non è affatto noiosa".

Uno di questi, probabilmente il suo hobby più costoso ed eccentrico, è la passione per l'arte. Le opere che arredano la sua casa potrebbero benissimo collocarsi sulle pareti di qualsiasi museo d'arte moderna. Damien Hirst, Lucio Fontana, Augustine Bonalumi, Marc Quinn o Giacomo Balle sono solo alcuni dei nomi che compongono una collezione privata iniziata solo dieci anni fa. "Non sono cresciuto con l'arte, perché non è un elemento che si collega alla mia famiglia. In realtà, il mio gusto per l'arte moderna è cominciato 12 anni fa, a bordo di un aereo. Stavamo avendo un ritardo tremendo. Mi annoiavo, così mi ritrovai a sbirciare il libro che stava leggendo una donna seduta accanto a me. Si intitolava The Fontana Cult. Lei mi chiese se mi piaceva Fontana e io le risposi di no, che quel taglio di tela avrei potuto farlo anche io. Allora quella donna mi disse semplicemente: "Ma saresti comunque il secondo a farlo". Questo episodio risvegliò la mia curiosità e mi indusse a iniziare a leggere libri di arte moderna e ad acquistare piccole opere", racconta Alessandro Benetton. "Ho fatto degli errori, come chiunque inizia una collezione, ma col passare del tempo è diventata la mia più grande passione, perché è qualcosa che mi soddisfa veramente". La sua passione per l'architettura non è da meno.

La sua casa, che contiene tutte queste opere. È stata disegnata da Tadao Ando nel 2004 e costituisce la prima abitazione mai realizzata in Europa dal premiato architetto. "Tadao era stato incaricato di rinnovare una sede della Benetton. Ciò che realizzò mi piacque talmente che gli commissionai la costruzione della mia nuova casa, chiedendogli di rispettare una sola regola, quella della privacy", ricorda Alessandro Benetton. Scavata nella terra, l'abitazione è stata chiamata la Casa Invisibile, e nonostante le sue dimensioni, è dotata di quattro camere da letto: "Desideravo qualcosa di intimo e vivibile. Qualcosa che si potesse sporcare. Abbiamo tre figli. Tre terremoti. Non si può pretendere di tenere una casa come fosse un museo". La famiglia Benetton in realtà è molto più numerosa. Alessandro Benetton ha tre fratelli e quattordici cugini. Figli di Giuliana, Gilberto e Carlo (i tre fratelli del padre Luciano). E l'azienda fondata da questi nel 1965 appartiene a tutti loro; sono stati proprio i maglioni colorati realizzati da Giuliana e che Luciano iniziò a vendere nel negozio di Treviso, dove lavorava come dipendente, a costituire i primi capi di questo marchio dell'abbigliamento. "Noi Benetton siamo intraprendenti. Fa parte del nostro DNA. Mio nonno avviò un'attività che non sappiamo se avrebbe mai funzionato, perché morì molto giovane. Mio padre ha iniziato la sua a 15 anni. E io la mia a 25".

Alessandro Benetton parla della sua azienda, 21 Investimenti, fondata nel 1992. Nel 2009 era già valutata più di un miliardo di euro. La sua attività principale consiste nel dare consulenza a imprese ed aziende per conferire il massimo rendimento ai loro affari. "Tutto ciò che ho realizzato fino ad oggi l'ho ottenuto senza l'aiuto di nessuno. Mio padre non mi ha supportato nella mia attività. Mai. "Nessuno ha mai aiutato me, così adesso nemmeno io ti aiuterò diceva", mi diceva. Se gli chiedevo consiglio me lo dava, ma nello stesso tempo mi faceva capire che ero un individuo totalmente indipendente e che ero l'unico responsabile delle mie decisioni", ricorda Alessandro Benetton. "Anche se può apparire strano, questa è la cosa che ammiro in più in lui. Sembra crudele e, forse, quando stai vivendo il ruolo di figlio e hai bisogno di aiuto, arrivi anche a credere che lo sia. Ora che sono padre mi rendo conto che la cosa più facile è proteggere i propri figli, perché ti fa sentire bene. Ma non è la soluzione giusta, perché in questo modo si impedisce loro di crescere e di maturare".

Con un'attività avviata che riscuoteva molto successo, Alessandro non pensava che un giorno avrebbe lavorato alla Benetton, né tantomeno che un giorno ne sarebbe diventato il vicepresidente esecutivo. "Quando la mia famiglia mi ha chiesto di unirmi all'azienda, mi ha colto totalmente di sorpresa. Se avessi risposto di no, non sarebbe successo nulla, ma moralmente non potevo rifiutare. Sono molti i sentimenti che mi legano a questo nome, alla sua storia, e troppe le persone che dipendono dal nostro successo: lavoratori, fornitori, clienti…", elenca Alessandro Benetton. Non gli è mai pesata la responsabilità, né la pressione psicologica di dover succedere a uno degli uomini d'affari più brillanti dell'industria della moda. Suo padre Luciano è stato, insieme ad Amancio Ortega, il creatore della moda prêt-à-porter e le sue campagne pubblicitarie, realizzate in collaborazione con il fotografo Oliverio Toscani, rappresento alcune delle icone culturali degli anni Novanta. "Ho accettato perché avevo già dimostrato le mie capacità al di fuori di questa azienda. La mia famiglia si è rivolta a me perché ha pensato che avrei potuto operare al meglio. Ma non sono un altro "figlio di papà" dice Alessandro Benetton.

Mentre suo padre gira il mondo con la sua barca – "Ogni tanto passa per vedere come vanno le cose ma, come dice lui, adesso non è più un suo problema", – e con il titolo di presidente ancora in mano, Alessandro Benetton è arrivato per cambiare rotta di un'azienda che non sta vivendo il suo momento migliore. "Io la paragono ad una donna con qualche ruga, ma con molto stile, e che continua ad essere molto bella". Queste rughe compaiono a causa delle vendite non proprio soddisfacenti, ma soprattutto per la mancanza di collegamento tra l'immagine giovane, moderna e ardita, che continua a resistere dagli anni '90, e i modelli che si si trovano nei suoi negozi, più classici e impeccabili. "Sappiamo di possedere un'immagine unica, una storia unica. La Benetton appartiene all'immaginario collettivo perché ha raggiunto prima di qualsiasi altra casa di moda molti angoli del mondo e perché le nostre campagne pubblicitarie hanno segnato un'epoca. È un marchio dotato di personalità. Sotto questo aspetto non abbiamo nessun problema", argomenta Alessandro Benetton. "Ma dobbiamo anche renderci conto che ciò che facciamo è moda, è abbigliamento, non solo immagine. Per questo abbiamo appena nominato un nuovo direttore artistico che ci auguriamo collocherà la Benetton nel XXI secolo".

Dopo quasi tre anni a capo di questa azienda italiana, Alessandro Benetton ha deciso di scrivere un nuovo capitolo di una storia in cui brillanti hanno iniziato a sbiadire. "In latino, il significato della parola erede si collega al concetto di deserto. Al fatto di essere solo al mondo. Mio nonno è stato un imprenditore, mio padre anche, e io ce l'ho nel sangue. Ciò che davvero mi piace e anima la mia vita è affrontare nuove sfide. In questo momento mi sto dedicando completamente alla Benetton perché fa parte della mia storia, della storia della mia famiglia, ma non chiudo nessuna porta", conclude Alessandro Benetton.

FONTE: Harper's Bazaar
AUTORE: Sara Hernando


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag