Municipia S.p.A.

Società

Città e sicurezza, Stefano De Capitani: “Necessario approccio integrato di gestione tecnologica”

28 Ott , 2021  

Stefano De Capitani

La sicurezza è uno dei temi centrali nell’amministrazione delle città ed è da sempre una questione che riveste un ruolo fondamentale sia nell’ambito delle politiche sociali che in quelle economiche. Nel tempo, tuttavia, la sicurezza è diventata un concetto molto più ampio. A spiegarlo è Stefano De Capitani, esperto di digital transformation applicata alla PA e Presidente di Municipia S.p.A., società del Gruppo Engineering specializzata in Smart Cities e Augmented Cities. Non si tratta infatti unicamente di ordine pubblico e contrasto alla delinquenza, ma anche di sicurezza stradale e sociale. A queste, tenuto conto dell’utilizzo sempre più diffuso di strumenti digitali sia nel settore privato che in quello pubblico, si è poi recentemente aggiunta la cybersicurezza. Per Stefano De Capitani sono tre i punti principali da affrontare per una corretta gestione. Il primo riguarda la percezione: “Bisogna capire se effettivamente c’è un problema di sicurezza reale e non solo di sicurezza percepita dal cittadino, caratterizzandone, laddove esso venga individuato, gli aspetti quantitativi e qualitativi nell’ottica di alzare il livello della sicurezza reale a discapito di quella percepita”. Il passo successivo è identificare e aumentare la percezione individuale della sicurezza, spesso influenzata dai media. In questo caso è possibile ottenere un successo attraverso l’adozione di una tecnologia di controllo in ambito urbano che “c’è ma non si vede”. L’ultimo punto, non meno importante, riguarda invece la sostenibilità economica degli investimenti: “Oltre a essere realizzati nell’immediato, devono anche essere supportati da risorse idonee nel medio – lungo termine senza far nascere disequilibri nei bilanci locali”. Un approccio integrato diventa dunque indispensabile per gestire in maniera efficiente la sicurezza delle città. I risvolti possono essere importanti: “La mancanza di sicurezza, anche solo percepita – ha sottolineato Stefano De Capitani – porta ad un risvolto peggiorativo degli ambiti urbani con il depauperamento della popolazione, delle attività produttive e con una ricaduta economica negativa sui bilanci dell’ente territoriale. La sicurezza, all’opposto, costituisce il pilastro di un contesto democratico attrattivo, produttivo e di incentivazione economica”.

,

Professionisti

Stefano De Capitani a “Formiche.net”: il commento del Presidente di Municipia S.p.A. sul Pnrr

2 Lug , 2021  

Stefano De Capitani

Transizione digitale ed ecologica, rivoluzione green, digitalizzazione dei Comuni e della Pubblica Amministrazione: il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) è “una partita da giocare come se fosse la finale degli europei di calcio, con le migliore risorse in campo e facendo squadra”. Lo ha sottolineato il Presidente di Municipia S.p.A. Stefano De Capitani, intervistato lo scorso 24 giugno da “Formiche.net”: “Le città sono il cuore della ripresa nazionale sostenibile e inclusiva, stimolata anche dall’impatto che la pandemia Covid-19 ha avuto sulla società e l’economia. Adesso quindi è il momento di passare dalle parole ai fatti rendendo concreto il cambiamento”.
In quest’ottica il Pnrr rappresenta una grande opportunità: “Il problema fondamentale sarà spendere bene i fondi, snellendo i processi per evitare ritardi nell’esecuzione e duplicazioni di progetti a livello locale. Ecco perché è fondamentale anche avere delle figure di riferimento adeguate nell’ambito della digitalizzazione”. E i Comuni, che ricoprono un ruolo-chiave, non sono soli come ha ricordato nell’intervista il Presidente Stefano De Capitani parlando dell’importanza del partenariato pubblico-privato “che consente alle amministrazioni di limitare l’impatto sulla spesa pubblica senza assunzioni di rischi finanziari, considerato che sono a carico del privato, e di ridurre i tempi di realizzazione del progetto ottenendo anche una maggiore efficienza gestionale”.
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve quindi “saper dare risposte concrete nell’immediato e al tempo stesso riuscire a guardare lontano, al di là dei prossimi cinque anni, gettando quindi le basi per un futuro diverso e migliore”. Tuttavia secondo il Presidente di Municipia S.p.A. servirebbe un maggior impegno sul tema delle piattaforme digitali “di cui finora si è discusso solo indirettamente”: soprattutto negli ultimi due anni “ci siamo resi conto di quanto siano necessarie l’interoperabilità tra sistemi informativi e l’integrazione di dati in tempo reale, favorendo la collaborazione e la comunicazione tra Enti, nel rispetto delle normative”.
Nella sanità così come per la mobilità, nella gestione dei rifiuti o per i servizi sociali è stato comprovato come l’utilizzo intelligente delle piattaforme permetta di progettare misure di intervento costruite su vere e non presunte platee di beneficiari: si tratta quindi di “un tema che va affrontato con strumenti giusti e tempi rapidi perché, come dimostrano gli ultimi dati Istat, la pandemia ha portato un aumento della povertà assoluta nel nostro Paese con più di 2 milioni di famiglie coinvolte. E dietro questi numeri ci sono persone”. In questo quadro Municipia S.p.A., leader in progetti per smart city e trasformazione digitale delle città di ogni dimensione, è in prima linea come partner strategico dei Comuni. “La leva dei co-investimenti privati va sfruttata e, grazie al Pnrr, questa diventa una opportunità per mettere a fattore comune le esigenze dei territori, progettando soluzioni integrate tra loro”, ha spiegato il Presidente Stefano De Capitani: “È questa la strada giusta per attrarre gli investimenti che finanziano lo sviluppo sostenibile energetico, ambientale, sociale del nostro Paese”.

Per avere maggiori informazioni:
https://formiche.net/2021/06/pnrr-municipia-digitalizzazione-transizione-digitale/

,