Susanna Esposito

Professionisti

Top Italian Women Scientists, lettera a Draghi sul ruolo delle donne: Susanna Esposito tra le firmatarie

2 Mar , 2021  

Susanna Esposito

Anche nel mondo della scienza c’è bisogno che il ruolo delle donne venga riconosciuto e soprattutto rafforzato. È l’appello rivolto al Primo Ministro Mario Draghi da parte delle scienziate del Top Italian Women Scientists. Il Club, promosso dalla Fondazione Onda, ha inviato al neo Presidente del Consiglio una lettera con una serie di proposte, consegnata lo scorso 11 febbraio in occasione della Giornata internazionale dedicata alle donne e alle ragazze della scienza. Tra le firmatarie anche Susanna Esposito, infettivologa di fama internazionale e Professore Ordinario di Pediatria all’Università di Parma, già autrice di diversi appelli sull’emergenza sanitaria lanciati al precedente Governo. L’obiettivo del documento creato dal TIWS, che raccoglie le scienziate italiane maggiormente distintesi per l’impatto nel loro settore, è promuovere alcune azioni specifiche, con l’aiuto delle Istituzioni, al fine di valorizzare le competenze femminili del Paese. Si va dall’implementazione, guidata da un gruppo di ricercatrici in campo biomedico, di programmi scientifici e sanitari in tema Covid-19, allo sviluppo di iniziative di promozione delle figure femminili per annullare il gender gap nell’universo scientifico. Di primaria importanza anche il contributo delle donne per una campagna informativa sui vaccini che eviti gli errori finora compiuti. “Come gruppo di scienziate con conoscenze multidisciplinari in campo biomedico – si legge nel testo – saremmo onorate se Lei potesse valutare la nostra proposta coinvolgendoci come parte integrante di indirizzi, che potrebbero essere spesso migliori se soltanto l’ascolto fosse indirizzato a una pluralità, che sfortunatamente vede le competenze femminili sotto stimate”. Tra le firme, oltre a quella di Susanna Esposito, anche quelle del Board TIWS al completo e di Francesca Merzagora, Presidente della Fondazione Onda.

Per maggiori informazioni:

https://www.quotidianosanita.it/cronache/articolo.php?articolo_id=92446