Gianfranco Battisti

Aziende

Diversity & Inclusion: cresce il numero di donne in FS Italiane, Gruppo guidato da Gianfranco Battisti

19 Mar , 2021  

Gianfranco Battisti

Un trend in continuo incremento: dal 2015 al 2020 è cresciuto il numero della presenza femminile in Ferrovie dello Stato Italiane, impattando sensibilmente anche a livello di Consiglio di Amministrazione, Dirigenti e Quadri Apicali (rispettivamente +10,5%, +7,2% e +6,1%). Ad agevolare questo andamento le politiche di Diversity & Inclusion che il Gruppo, guidato dall’AD Gianfranco Battisti, ha sostenuto da tempo con l’obiettivo di superare gli stereotipi di genere e combattere qualsiasi forma di discriminazione. Una linea condivisa dal nuovo Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini, il quale ha evidenziato come sia sempre più necessario un impegno da parte del mondo delle imprese per contrastare le diseguaglianze di genere. Ferrovie dello Stato Italiane detiene una leadership europea sul tema dell’inclusione. Non a caso, il Gruppo si è schierato al fianco della CER (Community of European Railway and Infrastructure Companies), nell’anno europeo delle Ferrovie 2021, per la creazione di un settore dei trasporti più inclusivo e per lo sviluppo dell’occupazione femminile in Europa. Un impegno che rappresenta una controtendenza importante: da uno studio della Commissione Europea Trasporti, è emerso come la forza lavoro del settore ferroviario sia ancora per larga parte a maggioranza maschile. Grazie alla maggiore automazione e alla digitalizzazione, nell’ultimo periodo si stanno però aprendo nuove opportunità di lavoro per le donne e sul tema cresce anche la sensibilizzazione in ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics). Tuttavia, la strada da percorrere è ancora lunga: secondo uno studio della stessa Commissione Europea Trasporti, solo il 21,41% degli impiegati nel settore è costituito da donne. Proprio per questo motivo, FS Italiane ha a cuore la riduzione del gender gap in azienda. Per le politiche di Diversity & Inclusion perseguite dal Gruppo, Gianfranco Battisti è stato nominato nel 2019 “Ambasciatore Europeo per la diversità” dalla Commissaria Europea ai Trasporti Violeta Bulc. Attraverso numerose iniziative, tra le quali Women In Motion (WIM), il parental leave management, il mentoring cross societario e il codice di comportamento per l’integrazione e la non discriminazione nei luoghi di lavoro, il Gruppo FS Italiane è tra le 200 migliori aziende come datori di lavoro per le donne in Italia, come evidenziato dallo studio dell’Istituto Tedesco Qualità ITQF Italy´s Best Employers for Women 2021.

Per maggiori informazioni:

https://www.nicolaporro.it/le-ferrovie-dello-stato-italiane-puntano-sulle-donne/

Aziende

FS Italiane: continua l’espansione internazionale sotto la guida di Gianfranco Battisti

21 Dic , 2020  

Il 2021 è stato definito l'”Anno del trasporto ferroviario europeo”: recentemente infatti l’Unione Europea ha deciso di promuovere le ferrovie quale modo di trasporto sostenibile, innovativo e sicuro. La decisione arriva in un momento cruciale: il prossimo anno sarà il primo completo di applicazione di tutte le norme del quarto pacchetto ferroviario sul territorio europeo, che porterà ad una liberalizzazione definitiva dei mercati. Un’occasione che Ferrovie dello Stato Italiane non è intenzionata a perdere. Negli ultimi anni la realtà guidata da Gianfranco Battisti si è infatti distinta a livello internazionale grazie al suo fiore all’occhiello, l’Alta Velocità. Ne è un esempio il recente accordo concluso con la spagnola Air Nostrum, che ha portato alla creazione del consorzio Isla, vincitore della gara per le tratte Madrid-Barcellona, Valencia-Alicante e Malaga-Siviglia. Un servizio che durerà dieci anni e che vedrà impiegati 23 Frecciarossa 1000 prodotti in stabilimenti italiani. Un percorso di espansione iniziato esattamente nel 2011, quando FS Italiane è atterrata per la prima volta oltre i confini nazionali, arrivando in Germania. In seguito il mercato francese, con l’acquisizione di Thello: poi Grecia, Olanda fino ad arrivare nel Regno Unito. Ma l’AV non è l’unico punto di forza del Gruppo, riconosciuto come uno dei leader mondiali nelle infrastrutture ferroviarie e nei servizi di ingegneria. Basti pensare al sistema tecnologico di sicurezza Ertms (European Rail Traffic Management System), promosso e utilizzato dalla società con un forte senso avanguardistico. Un know-how che ha permesso al Gruppo guidato da Gianfranco Battisti di concludere, tramite la controllata Italferr, contratti in ogni angolo del pianeta, dagli Stati Uniti alla Tailandia, dove a breve FS Italiane si occuperà della gestione e della manutenzione della linea che collega i principali aeroporti del Paese. Un’evoluzione, quella di Ferrovie, che è andata di pari passo con l’attenzione sempre più crescente all’ambiente: negli ultimi dieci anni, le persone che hanno scelto il treno anziché l’auto per i propri spostamenti hanno contribuito ad una riduzione di circa 20 milioni di tonnellate delle emissioni di anidride carbonica, recentemente, inoltre, il Gruppo FS ha sottoscritto un accordo con Snam per lo sviluppo dei treni a idrogeno.

Per maggiori informazioni:
https://www.ilgazzettino.it/pay/venezia_pay/l_eccellenza_le_frecce_sibilano_l_alta_velocita_tricolore_va_alla_conquista-5632508.html

Aziende

Gianfranco Battisti: il focus di “Affari & Finanza” sulla politica estera di FS Italiane

26 Ott , 2020  

350 milioni di passeggeri trasportati in Italia sulla rete AV: fa parlare i numeri l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane Gianfranco Battisti nel sottolineare come il Gruppo abbia sviluppato “un know-how e competenze uniche apprezzate in mercati competitivi, in Europa e oltre, dall’Asia all’America, all’Africa”. Lo si legge nell’approfondimento di “La Repubblica Affari & Finanza” sulla “politica estera” del Gruppo, pubblicato lo scorso 19 ottobre: FS Italiane “si muove a 360 gradi sullo scacchiere mondiale, dall’Asia all’America, all’Africa ma in questo momento l’obiettivo principale è focalizzato sull’Europa, dove a fine anno scatterà l’ultima fase della liberalizzazione del mercato ferroviario”.
In questa prospettiva, il Gruppo che in Spagna si è già aggiudicato la gara per l’alta velocità iberica punta ora su Francia e Germania che, in virtù della liberalizzazione, “dovranno rendere contendibili tratte che sono tra le top ten europee per volumi di traffico come la Berlino-Francoforte, la Colonia-Amburgo, la Parigi-Lione, la Parigi-Bordeaux. E anche la Parigi-Bruxelles”. FS Italiane non si farà trovare impreparato anche per effetto di un’attenta pianificazione che ha portato il Gruppo negli anni a rafforzare la propria presenza all’estero articolandola su più piani: non solo la gestione di linee “come in Spagna o in Gran Bretagna, dove da gennaio scorso gestisce la Londra-Edimburgo-Glasgow (che non è però alta velocità)” ma anche il contributo alla parte ingegneristica della realizzazione di nuovi progetti. Lo conferma la recente vittoria della gara in Colombia, in consorzio con altre imprese internazionali, per la supervisione dei lavori della Linea 1 della metropolitana di Bogotá. In questo caso il know-how che il Gruppo guidato da Gianfranco Battisti mette in campo è ovviamente nell’ingegnerizzazione dell’infrastruttura: sistemi di segnalamento, alimentazione e controllo che apporta attraverso la controllata Italferr.
Progetti di crescita in Europa, ma anche in Asia e Sud America quindi. E non finisce qui: FS Italiane è attiva anche in Arabia Saudita, in Tailandia e in Sud Africa con una terza modalità che si chiama Operation e Maintenance e, diversamente dal contratto di ingegneria che si esaurisce nella realizzazione dell’opera, qui continua invece nel tempo, affiancando l’operatività della società che gestisce il traffico propriamente detto. Servizi in outsourcing, come spiega l’articolo, che vanno dalla manutenzione del parco tecnologico di rete fino alla gestione del segnalamento e al ticketing e prenotazioni: ambiti in cui il Gruppo può farsi valere anche perché è arrivato a distinguersi tra le società ferroviarie più attive nella fase della definizione dello standard europeo della digitalizzazione del traffico dei treni.
In questo contesto l’espansione del Gruppo all’estero segue anche un’altra direttrice, la quarta, che si forgia del know-how sviluppato in dieci anni di Alta Velocità. Su questo fronte l’AD e DG Gianfranco Battisti ha spiegato come “in Spagna nel 2022 porteremo 23 Frecciarossa 1000, punta di diamante della nostra flotta, interamente costruiti in Italia”. Inoltre “l’anno prossimo saremo operativi in Grecia, sulla Atene-Salonicco”.