Fabrizio Palermo

Aziende

Fabrizio Palermo: CDP e BMPS insieme per finanziare le aziende italiane che operano in Cina

21 Set , 2020  

Fabrizio Palermo: CDP e BMPS insieme per finanziare le aziende italiane che operano in Cina 5.00/5 (100.00%) 1 vote

Come confermato nel comunicato ufficiale del 17 luglio 2020, Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Banca Monte dei Paschi di Siena (BMPS) hanno concluso due operazioni di finanziamento a favore delle imprese italiane in Cina. Le operazioni, dal valore complessivo di 130 milioni di euro, sono finalizzate a promuovere la crescita delle aziende italiane che operano in Cina o delle succursali cinesi di società italiane, con un occhio di riguardo anche alle imprese controllate e costituite direttamente nel Paese. Nel contesto in cui stiamo vivendo, anche in relazione all’emergenza sanitaria verificatasi negli ultimi mesi, diventa fondamentale fornire questo tipo di liquidità per garantire la piena operatività delle imprese.
La prima operazione è costituita da una linea di credito a breve termine del valore di 100 milioni di euro: andrà a supportare le esigenze di liquidità di breve periodo, fondamentali per sostenere le proprie attività in un mercato complicato come quello attuale. La seconda operazione è pensata invece per il medio-lungo termine: in valuta locale, di importo pari a circa 240 milioni di Renmimbi (30 milioni di euro), è destinata a supportare i fabbisogni finanziari derivanti da iniziative per la crescita e sviluppo. CDP, guidata dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Fabrizio Palermo, ha concesso l’intero finanziamento della linea a medio-lungo termine, a valere anche sull’emissione dei “Panda Bond” da 2 miliardi di Renminbi. La realtà guidata da Fabrizio Palermo è la prima in Italia ad effettuare un’emissione obbligazionaria in Cina in valuta locale volta a supportare le imprese italiane attive o interessate a operare sul mercato cinese. Stiamo attraversando una fase particolarmente complessa per il commercio internazionale: facilitare l’accesso al credito, anche alle aziende di dimensioni minori rispetto a quelle supportate da CDP, è una mossa significativa ed importante da compiere.

Aziende

Cdp – UniCredit, Fabrizio Palermo: “1 miliardo a supporto delle PMI”

23 Lug , 2020  

Cdp – UniCredit, Fabrizio Palermo: “1 miliardo a supporto delle PMI” 5.00/5 (100.00%) 1 vote

Turismo, beni di consumo e meccanica: sono i settori interessati dal nuovo protocollo nato tra Cassa Depositi e Prestiti e UniCredit. “L’intesa firmata – ha dichiarato Fabrizio Palermo, AD di Cdp – rappresenta una tappa importante ed una conferma ulteriore dell’impegno da parte del Gruppo per il sostegno al tessuto produttivo del Paese“. Attraverso un prestito obbligazionario senior unsecured, le due realtà hanno sottoscritto un finanziamento pari a un miliardo di euro per supportare le Piccole e Medie Imprese e le Mid-Cap italiane, in particolare quelle del Mezzogiorno, che attualmente sono in sofferenza a causa degli effetti della pandemia. Le aziende potranno chiedere un massimo di 20 milioni di euro, da restituire entro una scadenza non inferiore ai due anni: un allungamento che rientra negli obiettivi del Piano Industriale 2019-2021 di Cdp riguardanti il sostegno al territorio. L’accordo tuttavia si estende anche in altri ambiti. Da un lato lo sviluppo di “basket bond” emessi direttamente da PMI e Mid-Cap, che vedrebbero UniCredit e Cdp come investitori principali: operazioni di cartolarizzazione di mini-bond con il vantaggio di possedere una forte potenzialità d’attrazione per ulteriori investitori privati. Inoltre, l’intesa si rivolgerà anche a settori come ricerca, ambiente, energia, innovazione e valorizzazione del patrimonio culturale attraverso operazioni dirette di co-finanziamento. “Grazie alla collaborazione con UniCredit possiamo facilitare l’accesso al credito delle aziende italiane, che nel contesto di crisi derivante dall’emergenza Covid-19 hanno necessità di un rilancio di produttività e competitività anche oltre i confini nazionali. Inoltre – conclude Fabrizio Palermo – attraverso il ricorso a strumenti di finanza innovativa, potremo far affluire ingenti risorse alle piccole e medie imprese, con un’attenzione particolare al Mezzogiorno, per attivare un processo virtuoso di crescita e sviluppo“.