Riva Acciaio

Aziende

Riva Acciaio: il contributo all’Economia Circolare attraverso l’utilizzo interno di polimeri e l’utilizzo esterno di scorie nere, scorie bianche e polveri di acciaieria

28 Giu , 2021  

Il settore siderurgico sta sempre più cambiando per adottare una tipologia di produzione che incontri i criteri dell’Economia Circolare. Riva Acciaio, leader nel comparto, è tra le realtà all’avanguardia sotto questo punto di vista, attenta all’evoluzione di un contesto che tiene in grande considerazione la sostenibilità del proprio ciclo produttivo. Esistono due modalità principali per entrare a far parte della cosiddetta Economia Circolare: prendere dall’esterno il rifiuto trasformato in prodotto e inserirlo all’interno del proprio ciclo produttivo con conseguente riduzione di emissione di CO2 (gas ad effetto serra); inviare ad impianti esterni alcune tipologie di rifiuti al fine di trasformali in prodotti e quindi riutilizzabili, evitando l’invio in discarica. Riva Acciaio segue la prima metodologia utilizzando dei polimeri derivati dalla raccolta differenziata dei rifiuti in plastica. Il polimero è un prodotto certificato quale apportatore di Carbonio nei processi siderurgici e metallurgici in sostituzione di prodotti naturali quali il carbone e l’antracite, con conseguente riduzione di emissione di CO2. I polimeri si rivelano vantaggiosi anche perché hanno migliori performance tecniche rispetto alla fonte fossile, sono meno costosi e comportano un minor consumo, permettono la valorizzazione di un materiale di recupero che sarebbe altrimenti destinato allo smaltimento, con conseguenti problematiche in termini ambientali. Recupero e riciclo sono i concetti fondamentali quando si parla di Economia Circolare. Nel processo opposto, dall’interno all’esterno, Riva Acciaio mette a disposizione la scoria nera, prodotta proprio negli stabilimenti siderurgici. Tale materiale, che rappresenta circa il 10% della produzione dell’acciaio, ha caratteristiche ideali per l’utilizzo nella produzione di conglomerati cementizio bituminosi. La scoria nera viene inviata agli impianti idonei che la trasformano e la rendono, anche in questo caso, un prodotto certificato. Il vantaggio è ancora una volta la non dispersione nell’ambiente e la possibilità di utilizzare un materiale uguale e alcune volte anche migliore di quello di origine naturale che va a sostituire. Altri rifiuti prodotti dai cicli produttivi che entrano a far parte dell’Economia Circolare sono le polveri di acciaieria e la scoria bianca. Le polveri di acciaieria contengono elementi che è importante recuperare: zinco, metalli non ferrosi, alogenuri e ferro, che rappresentano l’1 – 2% in peso sull’acciaio prodotto. Prevalentemente le polveri di acciaieria vengono utilizzate per la produzione di CZO e, in questo modo, si evita di disperdere nell’ambiente un rifiuto pericoloso (e che comporta anche costi non indifferenti di smaltimento). Le scorie bianche, invece, rappresentano il 10 – 12% della scoria nera e hanno un alto contenuto di calce. Alcune acciaierie, infatti, stanno provando a rimetterla nei forni in sostituzione della calce proveniente da impianti che trasformano il materiale proveniente dalle cave. La scoria bianca viene quindi utilizzata nella formulazione di cementi, per la stabilizzazione del suolo e più in generale nella produzione di leganti idraulici. All’interno di un’industria come quella metallurgica, sono numerose le possibilità di riutilizzo dei residui di produzione. Proprio per questo, Riva Acciaio ha ampliato la visione della propria filiera produttiva rendendo evidenti le potenzialità e i benefici che possono nascere dalla cooperazione tra più aziende.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *