Ofelia

Pittura

Il gruppo dei Preraffaelliti e l’utopia della bellezza a Torino

22 apr , 2014  

Share on Google+0Share on LinkedIn0Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0
Il gruppo dei Preraffaelliti e l’utopia della bellezza a Torino 4.44/5 (88.89%) 9 votes

Mostra PreraffaellitiDal 19 aprile al 13 luglio i Preraffaelliti in mostra a Torino, esposti i capolavori della Tate Britain. Per ulteriori informazioni, visita il sito al link indicato.

I Preraffaelliti sono un gruppo di artisti inglesi vissuti durante il periodo Vittoriano dell'Ottocento. Essi per le loro opere si sono rifatti all'ideale di bellezza precedente a Raffaello, da cui il nome. Ispirati dai passi della Bibbia e dai versi di William Shakespeare, questi artisti hanno costituito una vera e propria avanguardia, allontanandosi dalle tematiche artistiche del periodo vittoriano. Dante Gabriel Rossetti, John Everett Millais, Ford Madox Brown, William Hunt, Edward Burne Johns e John Williams Waterhou: oltre 70 capolavori di questi artisti saranno esposti al Palazzo Chiablese di Torino per una mostra imperdibile. Natura rigogliosa e donne evanescenti, con corpi di rara bellezza, pelle chiarissima e capelli rossi, sono questi i soggetti delle opere dei Preraffaelliti. L'esposizione è curata da Alison Smith e Luca Beatrice, il primo curatore della sezione presente alla TATE di Londra e il secondo uno dei maggiori esponenti e storici dell'arte italiana. Il simbolismo prevale in queste opere, dove nessun oggetto dipinto o segno tracciato è lasciato al caso. Tutto rimanda ad un significato altro, soprattutto quando ad essere rappresentata è la natura, coi suoi colori e le sue emozioni, grazie ad una amorosa cura dei dettagli. Scopri ulteriori informazioni, visitando il sito ufficiale.

 

Articoli Correlati:

Parigi, Roma e Genova omaggiano la messicana Frida Kahlo
Il Mito di Gustav Klimt in mostra a Palazzo Reale
La Golden Age olandese al Palazzo Fava di Bologna
Matisse, La Figura al Palazzo dei Diamanti
Andy Warhol, la versatilità di un uomo del Novecento
Piet Mondrian e i colori



Lascia una risposta